Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
Banner
 
 
 
 
You are here::
 
 
Venerdì 24 Gennaio 2014 23:23

LAKE OF TEARS - By The Black Sea

Written by  Eleonora Petti
Rate this item
(0 votes)
LAKE OF TEARS - By The Black Sea

I Lake Of Tears tornano sulla scena musicale con un live dvd, registrato a Bucharest lo scorso 2013, ed intitolato "By The Black Sea": un percorso oscuro lungo ben 16 tracce, attraverso tutte le produzioni precedenti, quasi a suggellare i vent'anni di attività di questo gruppo.

Direttamente dall'ultimo album "Illwill", "Taste Of Hell" e la titletrack "Illwill" sono i due brani che nel live appaiono come i più cattivi: dal sound scuro e penetrante, è qui tutta la vena Thrash/Death di questo gruppo, che sembra scomparire quasi del tutto già nella terza traccia estratta da questo album, "House Of The Setting Sun", da cui emerge l'oscurità del Doom. Cattiva quasi all'altezza delle prime due, "The Daylight Yields", da "Greater Art" del 1994.

Con un salto in avanti di dieci anni, da "Black Brick Road" del 2004 i Lake Of Tears ci presentano "Making Evenings", che perde totalmente l'atmosfera Gothic che si può ritrovare nella versione studio, "The Greymen" e "Crazyman", che, invece, sicuramente si attestano su un Heavy Metal abbastanza melodico, così come "The Shadowshires", tratta da "The Neonai", l'album del 2002.

Sicuramente più rappresentative dell'essenza della band svedese "So Fell In Autumn Rain", "Forever Autumn" e "Demon You/Lily Anne", da "Forever Autumn" del 1999, che insieme a "Raven Land" e "Sweetwater", contenute in "Headstones" del 1995, regalano un'atmosfera cupa, con un sound misto di Dark e Gothic.

Inclassificabili "Boogie Bubble", "Cosmic Weed", dalla produzione del 1997 "A Crimson Cosmos", che risultano essere molto più leggere rispetto ai riff e ai sound propri delle altre tracce di questo live; promossa a pienissimi voti la strumentale opener "To Die Is To Wake", che rinchiude in sé tutto quel che c'è da dire su un gruppo che alle spalle ha ben vent'anni di carriera.

In definitiva, un buon live: un sound che rende giustizia ad una produzione tanto vasta quanto varia, migliore addirittura di quello ascoltabile dagli album studio, a scapito, però, della voce, che talvolta sembra sovrastare in maniera impropria melodie tanto efficaci e che sicuramente preferiamo in una registrazione.

  • Voto: 7
  • Genere: Gothic Metal
  • Sito Web: www.lakeoftears.net
  • Anno: 2014
  • Casa Discografica: AFM Records
  • Gruppo: Lake Of Tears
  • Old Cover:
  • Line Up:
    Daniel Brennare - Voce, chitarra
    Fredrik Jordanius - Chitarra
    Mikael Larsson - Basso
    Johan Oudhuis - Batteria
  • Tracklist:
    01. To Die Is To Wake
    02. Taste Of Hell
    03. Illwill
    04. The Greymen
    05. Boogie Bubble
    06. Cosmic Weed
    07. As Daylight Yields
    08. The Shadowshires
    09. Raven Land
    10. Sweetwater
    11. Demon You / Lily Anne
    12. House Of The Setting Sun
    13. Making Evenings
    14. Crazyman
    15. So Fell Autumn Rain
    16. Forever Autumn
Eleonora Petti