Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
 
 
 
 
You are here::
 
 
Sabato 11 Marzo 2017 18:33

ZOMBIE MOTORS WRECKING YARD - Supersonic Rock’N'Roll

Written by  Valerio Ferrari
Rate this item
(0 votes)
ZOMBIE MOTORS WRECKING YARD - Supersonic Rock’N'Roll

L’attitudine è sempre stato un elemento fondamentale per ogni band che intenda andare oltre a un certo livello; un deathster avvinghiato a glammer sicuramente non parrebbe credibile così come un cd di black metal le cui lyrics parlano di festini e piscine piene di donne…il messaggio deve arrivare attraverso la musica, certamente, ma anche l’immagine e il messaggio sono elementi di sicura presa.


Poi ci sono casi in cui l’immedesimazione non è concepita a 360°…gli Zombie Motor Wrecking Yard sembrano essere usciti da una dimensione formato B-Movie americano, dove la visione stradaiola si mischia a quel fascino noir di chi non si prende alcuna responsabilità, e il genere che vanno ad affrontare è una sorta di rock/stoner che si contorna di elementi che vanno dal country all’industrial, pur sempre mantenendo una base dinamica quadrata e dritta.


La produzione volutamente sporca e polverosa è atta a portarci in questa oscura avventura chiamata “Supersonic Rock’n Roll”…i suoni sono caldi e sabbiosi, sovraccarichi di pesantezza, mentre le performance mostrano un quintetto coeso a livello strumentale senza infamia e senza lode, dove è degna di nota solo la timbrica rovente del singer Ran.


“Supersonic Rock’n Roll” è un debut e come tale deve essere preso in considerazione…benché il titolo sia molto pretenzioso, di veramente ‘super’ si possono trovare l’accessibile “Galactic Motherfucker”, la made in USA “Roll n Burn” e la più punkeggiante “Fight Fight Fight”; il resto si muove tra episodi alquanto incolore come “Grind The Grinder” e “Love For Speed”, mentre le conclusive “God Of No” e “Judas” rimangono i picchi più bassi del disco…”Dead Smile” gigioneggia con atmosfere al limite dell’industrial mentre la titletrack e la successiva “Bad Boy Benny” se non altro si forgiano su riff più tribali e pathos bluesy.


La band australiana ha voglia di fare e di crescere, riscontrabile dall’andamento altalenante di queste dieci pieces, ma non basta ‘far parte’ di un movimento per essere convincenti al 100%. Sufficienza risicata e tanta strada ancora da fare.

  • Voto: 6
  • Genere: Rock/Stoner
  • Sito Web: https://www.facebook.com/zombiemotorswreckingyard/
  • Anno: 2017
  • Casa Discografica: Napalm Records
  • Gruppo: Zombie Motors Wrecking Yard
  • Old Cover:
  • Line Up: Leigh: Drums
    Coop: Bass
    Mark: Guitars
    Darren: Guitars
    Ran: Vocals
  • Tracklist: 01. Grind The Grinder
    02. Dead Smile
    03. Galactic Motherfucker
    04. Love For Speed
    05. Roll 'N' Burn
    06. Fight Fight Fight
    07. Supersonic Rock 'N' Roll
    08. Bad Boy Benny
    09. God Of No
    10. Judas
Valerio Ferrari