Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
Banner
 
 
 
 
You are here::
 
 
Mercoledì 03 Maggio 2017 10:18

DIMMU BORGIR - Forces Of The Northern Light

Written by  Valerio Ferrari
Rate this item
(0 votes)
DIMMU BORGIR - Forces Of The Northern Light

Il valore delle band spesso è definito dal ‘modo’ di proporsi verso il proprio pubblico; in passato l’usanza di imbastire special shows o tour unplugged si era diffusa maniacalmente, riuscendo a portare anche le proposte meno dirette ad un pubblico più ampio, mentre nel nuovo millennio la moda ha vertito in direzione orchestrale, dove il contrasto tra musica classica e metal ha saputo catalizzare nuove falangi di adepti.


I Dimmu Borgir scelgono la seconda via, ovviamente, per rifarsi vivi nel business musicale…la loro ultima creatura, “Abrahadabra”, risale ormai a sette anni fa e già da molto tempo il mistero attorno al loro silenzio ha scatenato una frenesia incontrollabile. “Forces Of The Northern Night” è una creatura dal carattere bivalente: da un lato permette al trio norvegese di ritornare sulle scene e dall’altro fa il punto della situazione da cui ripartire…ovviamente stiamo parlando di una delle black metal band che hanno saputo evolvere il genere e il modus operandi è ultraprofessionale, appetibile e ruffiano (in senso positivo).


Avendo a disposizione solo la parte audio, la valutazione contempla unicamente lo show di Oslo accompagnati dalla Kringkastingsorkestret (mentre nel pacchetto completo troverete anche lo show a Wacken con la National Czech Symphonic Orchestra e un documentario)…i suoni sono oscuri e glaciali come da copione, uniti ad un lavoro di mixing complesso, mentre le performance denotano come ormai Shagrath e soci siano un act di altissimo livello.


L’incipit della scaletta è interamente dedicata all’ultimogenito, di cui songs come “Born Treacherous” e “Chess With The Abyss” sono vere perle…nella seconda parte si va indietro di qualche anno, arrivando a toccare quei dischi che ne hanno fatto decollare la carriera (“Puritanical Euphoric Misanthropia” e “Death Cult Armageddon”) con “Progenies Of The Great Apocalypse” e “Kings Of Carnival Creation”. Gli innesti orchestrali aiutano a stemperare la ferocia dell’atmosfera (sopra a tutte la versione di “Dimmu Borgir” e “Fear And Wonder”), mentre i veri highlights rimangono la travolgente “Gateways”, la easy “Dimmu Borgir”, il singolone “The Serpentine Offering” e le hit “Puritania” e “Mourning Palace”.


In attesa di un nuovo capitolo, a cui la band sta lavorando, è interessante poter constatare che i Dimmu Borgir stanno bene e hanno ancora quella ‘voglia’…”Forces Of The Northern Night” non sarà un capitolo indispensabile della discografia della band tuttavia per fans sfegatati o semplici curiosi può rappresentare un valido prodotto.


  • Voto: 8
  • Genere: Symphonic Black Metal
  • Sito Web: https://www.facebook.com/dimmuborgir/
  • Anno: 2017
  • Casa Discografica: Nuclear Blast Records
  • Gruppo: Dimmu Borgir
  • Old Cover:
  • Line Up: Shagrath: Vocals
    Silenoz: Guitars
    Galder: Guitars

  • Tracklist: 01. Xibir (Orchestra)
    02. Born Treacherous
    03. Gateways
    04. Dimmu Borgir (Orchestra)
    05. Dimmu Borgir
    06. Chess With The Abyss
    07. Ritualist
    08. A Jewel Traced Through Coal
    09. Eradication Instincts Defined (Orchestra)
    10. Vredesbyrd
    11. Progenies Of The Great Apocalypse
    12. The Serpentine Offering
    13. Fear And Wonder (Orchestra)
    14. Kings Of The Carnival Creation
    15. Puritania
    16. Mourning Palace
    17. Perfection Or Vanity (Orchestra)
Valerio Ferrari