Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
 
 
 
 
You are here::
 
 
Venerdì 12 Maggio 2017 12:16

HATE - Tremendum

Written by  Valerio Ferrari
Rate this item
(0 votes)
HATE - Tremendum

In certi momenti vorrei realmente possedere la passione che spinge un artista a continuare a costruire la propria carriera; al di là dei risultati ottenuti, credo che dentro a queste persone esista una forma di espressività non comune, capace di superare anche gli ostacoli più insormontabili.


Atf Sinner non molla e i suoi Hate diventano una delle realtà più interessanti della scena estrema disco dopo disco… l’act polacco sembra aver scoperto una vena creativa inesauribile che, unita a una volenterosa modernizzazione del sound, li porta a forgiare dischi dalla corpulenza mastodontica e dall’impatto alienante. L’esperienza ovviamente gioca un ruolo chiave, potendo usufruire dell’enorme bagaglio forgiato in anni di palchi e dischi, ma la freschezza contenuta in questo “Tremendum” è un piacere per le orecchie.


In termini tecnici la band non lascia nulla al caso, cercando di dare alle strutture articolate il massimo della ‘botta’…i suoni sono freddi e devastanti, carichi a dovere di rabbia ragionata, mentre le performance mettono sul piatto un combo che sa quello che vuole e come ottenerlo; il mixing e il mastering lavorano a braccetto per far fruire ogni singolo strumento con il massimo della facilità senza sacrificare la sacrosanta botta.


“Tremendum” non sarà il disco più estremo degli Hate ma di sicuro è quello più epico e pesante…dall’anthemica “Asuric Being” alla spettrale “Walk Through Fire” il viaggio tra blast beats furenti e growl disumani è tutt’altro che una passeggiata. “Svarog’s Mountain” “Sea Of Rubble” e “Ghostforce” sono i capitoli più assimilabili, dove un coinvolgente appeal ‘diretto’ permette di arrivare in testa dopo pochi ascolti senza fatica. “Indestructable Pillar” e “Into Burning Gehenna” invece si svelano poco per volta, come delle autentiche gemme.


L’arte dell’evoluzione senza tradire le proprie origini è un compito arduo oggi giorno, dato che i fans difficilmente perdonano eccessive virate stilistiche…gli Hate hanno provato a modernizzare l’enormità del proprio sound e il risultato è davvero efficace.


  • Voto: 7,5
  • Genere: Technical Brutal Metal
  • Sito Web: http://www.hate-metal.com/
  • Anno: 2017
  • Casa Discografica: Napalm Records
  • Gruppo: Hate
  • Old Cover:
  • Line Up: Atf Sinner: Guitars & Vocals
    Pavulon: Drums
    Apeiron: Bass (Live)
    Domin: Guitars (Live)
  • Tracklist: 01. Asuric Being
    02. Indestructable Pillar
    03. Svarog's Mountain
    04. Numinosum
    05. Fidelis Ad Mortem
    06. Into Burning Gehenna
    07. Sea Of Rubble
    08. Ghostforce
    09. Walk Through Fire
Valerio Ferrari