Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
 
 
 
 
You are here::
 
 
Martedì 11 Luglio 2017 10:40

BLIND GUARDIAN - Live Beyond The Spheres

Written by  Valerio Ferrari
Rate this item
(0 votes)
BLIND GUARDIAN - Live Beyond The Spheres

Molte persone hanno la capacità di amare la musica nello stesso modo in cui amano le persone…qualcosa dentro evolve, si schiude, genera quel senso di vuoto allo stomaco e rende impossibile vivere senza ‘chi’ ha scaturito tutto questo caos interno. Succede anche verso le band e ogni uscita discografica o ogni concerto è vissuto come un appuntamento atteso freneticamente…probabilmente questo è il vero significato dell’essere fan.


I Blind Guardian sono un ‘amore’ per molta gente sul globo terracqueo. Con il passare del tempo le loro uscite si sono fatte più sporadiche e i loro concerti spalmati nel tempo ma ogni amante della loro musica sa che l’appagamento finale sarà profondo…”Live Beyond The Spheres” è il nuovo live album che riassume in ventidue songs tutto il meglio dei tour a supporto del monumentale “Beyond The Red Mirror”, un disco dal carattere forte che anche dal vivo riesce a mantenere quell’epicità costante senza troppa fatica.


La produzione è curata ed elegante, tecnologicamente evoluta ma senza risultare troppo perfetta e pulita. I suoni sono gonfi e rotondi, amalgamati da un mixing curato che non perde per strada il groove e da un mastering intenso ma non fine a sé stesso. Le performance dei sei bardi sono ricche e avvincenti, dove da incoronare è la prova di Hansi dietro al microfono, visibilmente ristabilito e a suo agio su tutto il materiale. La sezione ritmica Ehmke/Siepen/Courbois è un motore continuo mentre la versatilità stilistica di Andre Olbrich lascia a bocca aperta come sempre.


Sulla setlist, sinceramente, non me la sento di approfondire…credo che un’opera in tre cd che spazia in tutta la discografia del Guardiano Cieco possa contenere sia episodi che piacciono sia momenti a cui si è meno affini, senza mai far scendere il livello di un singolo scalino…far convivere appassionatamente songs quali “The Ninth Wave” ,“Nightfall” ,“Valhalla” o “The Lord Of The Rings” è sinonimo sia di intelligenza compositivo/esecutiva sia di qualità nell’assemblaggio dello show, e a riuscirci possono solamente quelle band con le idee chiare.


Che il metal sia morto o che viva spensierato poco importa, i Blind Guardian rimangono sulla cima del mondo e sembra non abbiano voglia di mollare il colpo. Due ore e venti di grande musica di cui non se ne avrebbe mai abbastanza. Occasione per conoscerli o per continuare ad amarli.


  • Voto: 9
  • Genere: Progressive Metal
  • Sito Web: http://www.blind-guardian.com/
  • Anno: 2017
  • Casa Discografica: Nuclear Blast Records
  • Gruppo: Blind Guardian
  • Old Cover:
  • Line Up: Hansi Kusch: Vocals
    Andre Olbrich: Lead Guitars & Backing Vocals
    Marcus Siepen: Rhytmn Guitars & Backing Vocals
    Frederik Ehmke: Drums
    Barend Courbois: Bass
    Matthias Ulmer: Keyboards
  • Tracklist: CD 1:
    01. The Ninth Wave
    02. Banish From Sanctuary
    03. Nightfall
    04. Prophecies
    05. Tanelorn
    06. The Last Candle
    07- And Then There Was Silence

    CD 2:
    01. The Lord Of The Rings
    02. Fly
    03. Bright Eyes
    04. Lost In The Twilight Hall
    05. Imaginations From The Other Side
    06. Into The Storm
    07. Twilight Of The Gods
    08. A Past And Future Secret
    09. And The Story Ends

    CD3:
    01. Sacred Worlds
    02. The Bard's Song (In The Forest)
    03. Valhalla
    04. Wheel Of Time
    05. Majesty
    06. Mirror Mirror
Valerio Ferrari