Loading

SEPTEM – Living Storm

Teniamo d’occhio i liguri Septem dal loro debutto omonimo nel 2013, un ottimo album pieno di spunti e di idee originali, che ci aveva convinti pienamente. Ed ecco che finalmente tornano con “Living Storm“, un lavoro senza sbavature nella composizione e nella produzione, che innalza decisamente l’asticella della qualità della proposta musicale di questa band. La regia di Tommy Talamanca ai Nadir Studios di Genova, si sente ed è impeccabile, ma la grande personalità che i Septem mostrano in questa nuova fatica è tutta farina del loro sacco.

Otto pezzi nati e cresciuti nella vecchia scuola NWOBHM ma imbevuti di generi e sonorità davvero eterogenei, per un risultato che suona squisitamente moderno. L’opener e singolo “Lord Of The Wasteland” vuole immediatamente colpire e trascinare nell’headbanging con la sua forza centripeta. Ma è solo un piccolo assaggio del potenziale dei Septem, che confezionano degli episodi davvero efficaci, come “Living Storm” e “Midnight Sky“.
Il killer-riff di “Milestones” è davvero un clamoroso centro, per un pezzo che si rivela essere uno degli highlights dell’intero album. L’energia dell’originale “Cielo Drive” stupisce così come la dolcezza infinita di “Waiting For Dawn“, percorsa da piccoli brividi metallici in un’atmosfera unica.
Montezuma II” è un pezzo elegante, maideniano, mentre “The Crystal Prison” chiude il cerchio con un chorus che non vi abbandonerà tanto facilmente.

Living Storm” è un album pieno ed incisivo e la band si è presentata all’appello del secondo lavoro in crescita e miglioramento netto. Non si può che consigliare un ascolto che troverà estimatori non solo tra gli amanti dell’heavy classico, ma anche tra chi ama le sonorità più ricercate del progressive metal e del power scandinavo.

  • 8/10

  • SEPTEM Living Storm

  • Tracklist
    01. Lord Of The Wasteland
    02. Living Storm
    03. Midnight Sky
    04. Milestones
    05. Cielo Drive
    06. Waiting For Dawn
    07. Montezuma II
    08. The Crystal Prison

  • Lineup
    Daniele Armanini - vocals
    Francesco Scontrini - guitar, vocals
    Enrico Montaperto - guitar
    Andrea Albericci - bass guitar
    Matteo Gigli - drums