Heavyworlds

FIND US ON Facebook Twitter Flickr Youtube
x
 
 
 
 
 
 
You are here::
 
 
Venerdì 26 Maggio 2017 11:15

WIND ROSE - Stonehymn

Written by  Vasile Cristian
Rate this item
(1 Vote)
WIND ROSE - Stonehymn

Quando parliamo di Folk Metal e soprattutto “metal da battaglia”, per così dire, si pensa alla Finlandia e ai pionieri del genere, Ensiferum, Wintersun, Turisas, e dintorni scandinavi. Sentire quindi band che fanno metal battagliero che rompono questo pregiudizio geografico è rinfrescante. I Wind Rose, toscani loro, un po’ ispirandosi mitologia tolkieniana, un po’ all'animismo dei nativi americani, a modo loro fanno questo lavoro magistralmente, giungendo al terzo album “Stonehymn”.

Suoni pesanti e immaginario quando tolkieniano quando del Far West si alternano e si mischiano in questo album.

I ragazzi, con l’esperienza di già due album alle spalle, inglobano anche strumenti folklorici e melodie che fanno l’occhiello al folklore del centro Italia - vedi “Under the Stone” o “The Returning Race”, ma ciò che veramente colpisce è l’utilizzo dei cori che in tutte le tracce - tranne che nell'intro e nel ponte strumentale “The Animist”, hanno un ruolo fondamentale inducendo stupore e magnificenza nell'ascoltatore.

L’album è diviso essenzialmente in due parti distinte sia per sonorità che per tematica: nella prima parte, introdotta da “Distant Battlefields” sembra andare in un mondo fantastico, con espliciti riferimenti tolkieniani, “To Erebor” essendo l’esempio lampante, con razze orgogliose, mondi straordinari e battaglie epiche. D’altra parte dopo “The Animist” si viene trasportati nel Far West, tra nativi americani, natura incontaminata e riti sciamanici. “Fallen Timbers” in particolare dà proprio l’idea del Far West, con un po’ di chitarre acustiche country, un po’ di fisarmoniche ballerine e violini che sembrano usciti da Saloon texani.
Non sono un amante delle divisioni nette negli album, ma l’idea di accostare sotto la bandiera del Folk Metal battagliero l’atmosfere e tematiche dal Far West e dal fantasy è molto interessante. Sotto l’aspetto tecnico, è un album ineccepibile, curato in ogni dettaglio che sicuramente piacerà agli amanti del genere. Promosso!

  • Voto: 8
  • Genere: Folk Metal, Power Metal
  • Sito Web: http://www.windroseofficial.com
  • Anno: 2017
  • Casa Discografica: Inner Wound Recordings
  • Gruppo: Wind Rose
  • Old Cover:
  • Line Up: Francesco Cavalieri: Vocals
    Claudio Falconcini: Guitars
    Federico Meranda: Keyboards
    Daniele Visconti: Drums
    Cristiano Bertocchi: Bass
  • Tracklist: 01.Distant Battlefields
    02. Dane Of Fire
    03. Under The Stone
    04. To Erebor
    05. The Returning Race
    06. The Animist
    07. The Wolves' Call
    08. Fallen Timbers
    09. The Eyes Of The Mountain
Vasile Cristian